Linea Disabile Uso Pubblico Realizzabili anche SU MISURA

Da sempre la nostra azienda ha dedicato molta attenzione al mondo dei diversamente abili, impegnandosi in studi approfonditi che hanno originato un catalogo specifico “Guida Operativa per Progettisti“ che è reperibile nell’area riservata del sito a cui si può accedere previo registrazione e che tratta anche delle diverse tipologie di bagni pubblici per disabili.

Lo studio delle dimensioni dell’antibagno per disabili, si è basato:

  • Sulle prescrizioni relative agli “Spazi di manovra con sedia a ruote “, indicate nel D.M. 236/89,
  • Sui risultati di un lavoro di sperimentazione condotto da “OIKOS Ricerche “ su incarico del C.E.R. (organo operante nell’ambito del Ministero dei Lavori Pubblici), per fornire alla Commissione Interministeriale Lavori Pubblici e Affari Sociali gli elementi per l’approntamento di un decreto di aggiornamento del D.M. 236/89,
  • Su studi e dati antropometrici ed ergonomici riferiti a Goldsmith’s: Designing for the Disabled, 1963
  • Sull’attenzione a contenere quanto più possibile la superficie del bagno stesso (pur nel rispetto dei requisiti previsti dalla norma), per un minor impatto nell’intervento di ristrutturazione e per contenere i costi finali del bagno.

In alcuni casi (servizi con antibagno disabili) è stato analizzato anche il rapporto tra la caratteristica dello spazio antistante le modalità di accesso al bagno, in quanto questo aspetto è risultato di primaria importanza per la comprensione della fruibilità reale dei bagni per disabili provvisti di antibagno: modalità di azionamento della porta, interferenza degli spazi di manovra interni ed esterni con lo spazio d’uso della porta, direzionalità dell’accesso, etc.

Va evidenziato anche, che la progettazione è stata effettuata attribuendo molta attenzione alle diverse possibili situazioni di utilizzo, recependo integralmente, nella diversità delle soluzioni individuate, lo spirito del decreto 236/89, che consente proprio: “una libertà progettuale nello scegliere soluzioni dimensionali ed ambientali anche diverse da quelle suggerite dal decreto, purché rispondenti agli obiettivi dello stesso“.

In definitiva, il criterio con cui si è proceduto alla progettazione dei bagni ALA che seguono, è stato:

  1. definizione degli spazi necessari all’espletamento delle diverse funzioni,
  2. verifica degli spazi in relazione alle prescrizioni della norma,
  3. definizione degli allestimenti e dell’impiego di ausili, con relativi rinforzi strutturali.

 

ART. DISEGNO DIM. EST. cm DESCRIZIONE

 

427 345×190 lavabo+wc+ausili a norma, con antibagno. Rotazione a 360° nel bagno e a 180° con manovra combinata nell’antibagno della sedia a ruote

 

421 295×160 wc+ausilii a norma, con antibagno. Nessuna rotazione nel bagno e rotazione a 180° nell’antibagno della sedia a ruote
422 330×180 lavabo+wc+bidet+ausilli a norma con antibagno
Rotazione a 180° con manovra combinata nel bagno e nell’antibagno della sedia a ruote
423 335×175 lavabo+wc+ausilli a norma con antibagno
Rotazione a 180° con manovra combinata nel bagno e nell’antibagno della sedia a ruote
424 355×175 lavabo+wc+ausilli a norma con antibagno
Rotazione a 180° con manovra combinata nel bagno e nell’antibagno della sedia a ruote
425 355×160 lavabo+wc sospeso+ausili a norma, con antibagno. Rotazione a 180° nel bagno e nell’antibagno della sedia a ruote

 

Contatti

Per informazioni contattaci compilando il seguente form.

Nome e Cognome (*)

Titolo (*)

Telefono/Cellulare (*)

Indirizzo email (*)

Il tuo messaggio (*)

Newsletter: di iscrivermi alla newsletter

Privacy (*):  Accetto le clausole sul trattamento dei dati personali

Antispam (*): copia questi caratteri captcha qui accanto








Comments are closed.